Presentazione di Annika

Annika Anna Casu Pasquale Di Matteo

di Pasquale Di Matteo, Critico d’Arte.

L’Arte di Annika, pseudonimo di Anna Casu, è un’espressione emozionale che vede nei bambini il soggetto preferito nelle figurazioni, caratterizzate da sguardi enigmatici che raccontano le sensazioni dei soggetti ritratti, in simbiosi con l’ambiente circostante e il loro tempo.

Negli ultimi anni, Annika è stata rapita dalla pittura informale, ma non cambiano le tematiche attente alla società, ai più deboli e alle disparità sociali nelle diverse regioni del mondo.

Co una base di studi artistici alle spalle, Annika si esprime attraverso diverse tecniche, privilegiando acrilici e colori ad olio, e la sua Arte ha una forte componente inconscia, da cui l’artista si la scia trasportare per dare libero sfogo alle emozioni dell’anima.

Nelle opere di Anna Casu, si esalta il dualismo uomo-animale, laddove le farfalle, che spesso si ritrovano sulle sue tele, declinano la speranza che agita l’animo dell’artista.

Infatti, la farfalla è uno dei simboli della rinascita e Annika sembra accomunare questo splendido esemplare di essere vivente al corpo dell’uomo, auspicando che, proprio come una crisalide, anche il corpo umano possa ambire ad evolversi in qualcosa di migliore.

Le opera di Annika, perciò, sono messaggi da interpretare in chiave spirituale, in cui l’artista esprime sottoforma di rebus emozionali il suo tifo per il bene, nella perenne lotta contro il male.

Anche nella sua espressione astratta, Annika testimonia un viscerale amore per la natura e per gli esseri viventi, regalandoci opere in cui spesso si ritrova l’acqua per protagonista, elemento che più di ogni altro è indispensabile alla vita.

Quella di Annika, dunque, è un’Arte aperta al cambiamento, in cui l’amore per la vita e per gli esseri viventi è il filo conduttore di tutte le sue opere.

I colori che più di altri si affermano nell’Arte di Annika sono il blu e il bianco, declinati nelle loro più varie sfumature, elemento che rimarca con prepotenza l’aspetto inconscio ed emozionale della pittura di Anna Casu, nonché la voglia di cambiamento e l’amore per la vita.